Brandit Springerstiefel mit Kappe, Anfibi uomo Nero nero

B00H2HF022

Brandit Springerstiefel mit Kappe, Anfibi uomo Nero (nero)

Brandit Springerstiefel mit Kappe, Anfibi uomo Nero (nero)
  • Materiale esterno: Pelle
  • Fodera: Pelle
  • Materiale suola: Gomma
  • Chiusura: Stringata
  • Composizione materiale: 100% Echtleder
Brandit Springerstiefel mit Kappe, Anfibi uomo Nero (nero) Brandit Springerstiefel mit Kappe, Anfibi uomo Nero (nero) Brandit Springerstiefel mit Kappe, Anfibi uomo Nero (nero) Brandit Springerstiefel mit Kappe, Anfibi uomo Nero (nero) Brandit Springerstiefel mit Kappe, Anfibi uomo Nero (nero)

“Sarà la nostra celebrazione più grande di sempre”,  prometteva  orgogliosamente il governo della Republika Srpska (RS) alla vigilia del 9 gennaio, l’autoproclamata festa nazionale dell’entità. E non tanto perché si trattasse di un anniversario tondo, un quarto di secolo da quel 9 gennaio 1992 in cui un gruppo di parlamentari serbi di Bosnia Erzegovina proclamò la secessione da Sarajevo, poco prima dell’inizio della guerra.

Da più di un anno, infatti, la festività è al centro della vita politica del paese. Nel novembre 2015 fu dichiarata illegittima dalla Corte Costituzionale statale, che la ritenne discriminatoria verso la popolazione non-serba. In risposta, il presidente della RS Milorad Dodik indisse un referendum per mantenere la festività, a sua volta dichiarato incostituzionale.

Ma  Dodik ha tirato dritto . Il referendum si è  Sandali di estate nuovi modelli Uomini Cowhide Sole molle Leisurely Beach shoes Due sandali da indossare, Nero, UK 65, EU 40
, con un trionfo plebiscitario del “sì”, ma con un’affluenza non così elevata (55%). E' stato però sufficiente a trainare il partito di Dodik, al potere dal 2006 in RS, verso una comoda vittoria alle successive elezioni amministrative.

Ed è bastato per mantenere un livello permanente di tensione con Sarajevo, alimentato dai persistenti annunci di secessione e dalle ripetute onorificenze pubbliche concesse a Radovan Karadžić e ai vertici serbo-bosniaci già condannati dalla giustizia internazionale per crimini di guerra.

CATEGORIE